Un giudice federale di Brasilia ha ordinato il ritiro del passaporto dell’ex presidente brasiliano Luiz Inacio Lula da Silva, sostenendo che esiste un concreto rischio di fuga all’estero. Lula, 72 anni, condannato mercoledì scorso in appello a 12 anni di reclusione per corruzione, aveva in programma un viaggio in Etiopia per partecipare ad una conferenza della Fao.
Il giudice Ricardo Leite ha ordinato alla polizia federale di ritirare il passaporto di Lula e di inserire il nome dell’ex presidente nella lista delle persone che non possono lasciare il Paese. L’avvocato di Lula, Cristiano Zanin, ha annunciato che consegnerà il passaporto del suo assistito alla polizia federale di San Paolo.